5 consigli utili per un form di contatto efficace

Il form di contatto è lo strumento che crea la connessione tra la nostra azienda e il mondo esterno, e che permette all’utente di comunicare direttamente con noi. Pensiamo a tutto ciò che può rappresentare la richiesta di contatto da parte di un utente: la possibilità di una collaborazione, l’inizio di un nuovo progetto o di una commissione, una richiesta di informazioni, seguita poi dall’acquisto del nostro prodotto o servizio. Per questo è importante investire nella cura di questo strumento, qualsiasi sia il nostro obbiettivo: dimostrare interesse per l’esperienza dell’utente significa dargli importanza, anche nei piccoli dettagli.

Per questo ho raccolto cinque suggerimenti che possono aiutarci ad aumentare il numero di persone che compilano il nostro modulo di contatto, ovvero quelle che tecnicamente vengono chiamate conversioni:

Tip # 1: meno campi di modulo = maggiori conversioni

Il form di contatto deve essere semplice. È stato dimostrato infatti che il numero di conversioni aumenta del 50% quando i campi presentati per la compilazione sono ridotti da 4 a 3. Come afferma Steve Jobs, il semplice può essere più forte del complesso. Ridurre i campi di compilazione non è un lavoro facile, perché dobbiamo valutare accuratamente le informazioni che ci servono davvero: numeri di telefono, indirizzi, scelte multiple possono essere rimandate in un secondo momento. Più dati crediamo di ottenere, meno risposte effettive è probabile riceveremo.

Tip # 2: creare fiducia nella pagina di contatto

Quando gli utenti visitano il nostro sito, fanno affidamento sulle informazioni che stiamo fornendo, e sui prodotti che hanno potenzialmente intenzione di acquistare. Se ci pensiamo, questo dimostra una grande dose di fiducia. Spesso però la richiesta di informazioni molto personali del form di contatto, tra cui il nome, l’indirizzo email e molto altro, può mettere alla prova questa fiducia. Lasciate che gli utenti sappiano che stanno fornendo i propri dati alle persone che sono lì per aiutarli con tutto ciò di cui hanno bisogno.

Come si crea quindi la fiducia? Si può iniziare dalle piccole cose:

Come già detto nel punto 1, valutare le informazioni che desideriamo ottenere dal form di contatto. Se stiamo chiedendo dati troppo sensibili, possiamo riconsiderare di ottenerle in un secondo momento, e con un secondo contatto.

Impostare il form di contatto per ottenere i risultati inseriti in modo corretto – come ad esempio un campo email che accetta solo indirizzi con la @, o un campo telefonico che accetti solo l’inserimento di cifre.

Infine, spiegare chiaramente come le informazioni fornite verranno utilizzate, e perché vengono richieste, specificando ad esempio che il loro indirizzo email non verrà utilizzato per inviare spam o newsletter non desiderate.

Tip # 3: fornire aiuto per la compilazione

Il form di contatto serve come strumento per ogni tipo di visitatore che può entrare nel nostro sito web: i potenziali clienti, chi necessita di assistenza per un nostro prodotto, i partner interessati ad una collaborazione. È quindi fondamentale spiegare a chi vengono indirizzati i dati raccolti, con una breve introduzione: questo servirà a ridurre il disagio di un form di contatto anonimo, e aumentare quindi le conversioni.

Un’ulteriore indicazione di aiuto è rappresentata dal testo fantasma, ovvero il testo presente all’interno dei campi in modo automatico, che può specificare con maggior precisione il tipo di informazione richiesta, magari accennando al tipo di formattazione (per esempio per i campi email può essere utile indicare mioindirizzo@email.com), per incoraggiare l’utente a compilare correttamente il campo.

Per i form di contatto più complessi, può servire anche inserire una breve descrizione o dei tooltip (indicazioni a comparsa) a fianco di ciascun campo. Fornendo istruzioni e aiuto nel form di contatto, ci assicureremo che gli utenti siano in grado di compilarlo anziché rinunciare a metà strada.

Tip # 4: ridurre le possibilità di errore

Ci sono alcuni elementi tecnici che possiamo inserire nel form di contatto per ridurre le possibilità di errore durante la compilazione, e mantenere l’attenzione dell’utente sul messaggio che sta inviando

Impostare l’ordine dei diversi campi, con criterio e una logica determinata, ne faciliterà l’utilizzo. Inoltre, soprattutto per chi usa alcuni browser, esiste l’opzione di completamento automatico che consente di inserire quasi tutti i dati, se impostati nell’ordine corretto. Ad esempio potrebbe essere un problema inserire il pulsante Annulla (per eliminare gli inserimenti) prima del pulsante Invia.

Mettere in evidenza il campo che l’utente sta compilando: gli consentirà di sapere in che punto si trova della compilazione, ed evitare errori di distrazione, soprattutto nel caso ci siano molti campi da riempire.

Infine sarà molto utile attivare una convalida online dei dati inseriti: alcuni script permettono di verificare la correttezza dei dati inseriti (come un indirizzo email digitato senza la @ o senza l’estensione dominio) prima di procedere con l’invio dei dati. Molti form di contatto vengono infatti abbandonati in seguito ad errori di compilazione commessi dall’utente, per la mancanza di voglia nel reinserire nuovamente tutte le informazioni.

Tip # 5: pensa mobile

Gli utenti che navigano sul web attraverso i dispositivi mobili sono in aumento costante, e sviluppare un form di contatto adatto a questi device può risultare anche più intuitivo oltre che utilizzabile, con ottimi risultati di interazione anche per gli utenti desktop.

Se hai mai compilato un form di contatto su un telefono, sai quanto sia faticoso ogni campo aggiuntivo. Pensare al mobile innanzitutto esegue importanti decisioni sull’interfaccia utente, ad esempio per l’inserimento di etichette di campo sopra o a sinistra dei campi di input.

In un possibile campo “provincia”, può essere utile un completamento automatico: vi è mai capitato di dover scorrere tutta la lista di un menu a discesa, per fornire l’informazione che scrivete da Vicenza o Verona?

In conclusione, qualsiasi sia l’obbiettivo del nostro form di contatto, più ostacoli possiamo eliminare dall’esperienza utente, più avremo possibilità di aumentare le conversioni. Dal tipo di informazioni richieste, alle indicazioni di compilazioni fornite, fino al layout, tutto può concorrere ad una buona riuscita del contatto con i nostri clienti e fornitori.

Hai altri consigli per realizzare un form di contatto efficace? Scrivimi il tuo parere!

Lascia un commento!
2018-01-03T14:26:05+00:00 05 giugno 2017|Categories: Web Design, Web Developing|Tags: |